lunedì 27 Giugno 2022

traduzione automatica

lunedì 27 Giugno 2022

traduzione automatica

Sensormatic risponde: che cos’è IO-Link?

IO-Link di Sensormatic è un protocollo di comunicazione seriale basato su standard aperti che consente a sensori e dispositivi di scambiarsi dati in modo bidirezionale.

La trasmissione su reti o bus di questi dati permette ai PLC, o altri controller, di accedere ad essi ed elaborarli per eseguire analisi o controlli. Ogni sensore con IO-Link trasmette le sue specifiche e funzioni, in modo da essere univocamente determinato.

I vantaggi nell’utilizzo di sensori IO-Link sono il cablaggio semplificato, la disponibilità di una grande mole di dati sul loro funzionamento, la configurazione dei sensori da remoto, la sostituzione semplice in caso di malfunzionamento e ovviamente le funzionalità di diagnostica avanzate.

Per sintetizzare, con l’IO-Link possiamo:
  • Ridurre i costi;
  • Aumentare l’efficienza dei processi;
  • Migliorare la gestione delle macchine dove siano previsti frequenti cambi di configurazione o che siano soggette a frequenti interruzioni o fermi macchina;

Il nuovo amplificatore per fibre ottiche risolve le applicazioni nell’automazione industriale in modo brillante e ottimale. Le soluzioni con tecnologia IO-Link incrementano la produttività e ne riducono i costi!

Il nuovo amplificatori per fibre ottiche ha un doppio display “Easy- to-read”, è multifunzione con doppia uscita NPN/PNP e comunicazione IO-Link, ha una eccellente operatività ed è “User-friendly” poiché con solo tasto è possibile settare le funzioni operative.

I valori aggiunti della nuova tecnologia permettono diverse soluzioni come ad esempio: garantire la qualità della produzione monitorando i dati del sensore e controllando le informazioni diagnostiche oppure risparmiare sull’avvio della linea di produzione leggendo e modificando da remoto i parametri del dispositivo e scaricando automaticamente i parametri per l’impostazione del sensore o, ancora, ottimizzare la manutenzione ripristinando automaticamente i parametri dei sensori sostituiti, riconoscendoli facilmente grazie all’indicatore di posizione e cablando velocemente il sistema.

Rilevare polvere o sporco sulla parte attiva monitorando l’intensità della luce ricevuta e avvisando se questa diminuisce.

Rilevare disturbi luminosi indesiderati monitorando l’intensità della luce ricevuta e avvisando se questa aumenta a causa di riflessi provocati da vapore o condensa.

Monitorare e analizzare con precisione le informazioni di produzione compresi il conteggio, la frequenza e la velocità di produzione.

L’indicatore di posizione attiva il lampeggiamento del display del sensore e per individuarlo facilmente.

La notifica in tempo reale delle anomalie delle apparecchiature consente agli operatori di eseguire immediatamente la manutenzione, riducendo colli di bottiglia e tempi di fermo.

Per maggiori informazioni, consulta la scheda tecnica.

Contatta l'autore per ulteriori informazioni










     Leggi la nostra Privacy and Cookies Policy e accetta le condizioni di utilizzo e trattamento dei tuoi dati. Tratteremo sempre le informazioni da te inserite con rispetto.