sabato 30 Settembre 2023

traduzione automatica

sabato 30 Settembre 2023

traduzione automatica

La direttiva RoHS e gli strumenti WIKA: tutto quello che devi sapere

La direttiva RoHS, che in origine era la sigla per la direttiva europea 2002/95/CE, solleva ancora molte domande riguardo ai suoi contenuti e definizioni, sebbene la conformità dei prodotti sia diventata un must. 

La RoHS è stata revisionata nella UE 2011/65/UE dell’8 Giugno 2011, che ha introdotto variazioni significative a vantaggio di una maggiore chiarezza. Anche la Cina ha regolamenti simili, noti come China RoHS, che richiedono requisiti simili a quelli europei. 

L’obiettivo di entrambi i sistemi è proteggere la salute umana e l’ambiente escludendo sei sostanze pericolose, ma le differenze si notano nella data e nell’etichettatura dei prodotti. Inoltre, il regolamento SJ/T11364-2014 richiede l’etichettatura dei prodotti importati in Cina e prodotti dopo il 1° Luglio 2016.

La conformità alla direttiva RoHS

Il raggiungimento della conformità alla direttiva RoHS rappresenta una sfida ambiziosa per l’industria elettrica ed elettronica, il cui obiettivo originale era l’eliminazione completa delle sostanze pericolose dai prodotti. 

Tuttavia, in seguito si è rivelato impossibile eliminare completamente queste sostanze in alcune aree, motivo per cui sono stati stabiliti valori limite chiaramente definiti

Le sostanze più importanti e comuni sono il piombo e i ritardanti di fiamma. La lista delle sostanze che possono essere contenute nei prodotti fino a un preciso valore limite comprende piombo, mercurio, cadmio, cromo esavalente, bifenili polibromurati e eteri bifenili polibromurati. Se le massime concentrazioni consentite vengono superate per motivi tecnici, ci sono alcune eccezioni definite nell’appendice III della direttiva UE 2011/65/UE. 

Queste eccezioni non sono valide per la RoHS applicata in Cina. Inoltre, la Direttiva UE 2015/863 impone restrizioni per applicazioni con ulteriori sostanze (plastificanti) a partire dal 22 Luglio 2021. 

Il superamento delle massime concentrazioni ammesse deve essere evidenziato per mezzo di una marcatura arancione e della dichiarazione del costruttore “Dichiarazione del costruttore secondo la direttiva RoHS cinese”.

Che cosa significa la direttiva RoHS per i produttori e fornitori di apparecchiature elettriche ed elettroniche?

Semplicemente, per dichiarare che un prodotto è “conforme alla direttiva RoHS”, le sostanze pericolose elencate devono essere presenti solo entro i limiti stabiliti. 

WIKA ha garantito la conformità RoHS per tutte le ultime generazioni di trasmettitori di pressione e ha intrapreso un programma ambizioso per conformarsi alla regolamentazione RoHS per l’intera gamma di trasmettitori. 

È importante notare che la conformità RoHS non significa necessariamente “senza piombo”, poiché la regolamentazione permette l’utilizzo di sostanze pericolose in piccole quantità.  Tuttavia, la bassa percentuale di queste sostanze ha creato difficoltà nell’adeguamento alla direttiva RoHS, in particolare nella transizione alle saldature senza piombo. 

Consulta il sito web di WIKA per maggiori informazioni sui requisiti RoHS per gli strumenti dell’azienda.

Contatta l'autore per ulteriori informazioni










     Leggi la nostra Privacy and Cookies Policy e accetta le condizioni di utilizzo e trattamento dei tuoi dati. Tratteremo sempre le informazioni da te inserite con rispetto.