domenica 25 Luglio 2021

traduzione automatica

domenica 25 Luglio 2021

traduzione automatica

Dispositivi medici che ci “misurano” e ci curano

L’esperienza pandemica ha messo in luce alcuni aspetti prima sconosciuti ai più. Oggi sappiamo che quando entriamo in un ospedale dobbiamo affrontare non solo dottori e infermieri, ma anche una serie di strumenti medici analitici e diagnostici altamente sofisticati. Sono dispositivi utilizzati per monitorare i parametri vitali dei pazienti, quali la temperatura del corpo, il battito cardiaco, la pressione sanguigna, il livello di ossigeno nel sangue. L’interfaccia tra i pazienti e questi strumenti medici è rappresentata da una serie di sensori medici altamente affidabili.

L’ambito dei dispositivi e dei sistemi di monitoraggio dei pazienti è segmentato in diverse tipologie: sistemi di monitoraggio della glicemia, dispositivi di monitoraggio cardiaco, dispositivi di monitoraggio multiparametrico, dispositivi di monitoraggio respiratorio, dispositivi di monitoraggio della temperatura, dispositivi di monitoraggio emodinamico/pressione, dispositivi di monitoraggio fetale e neonatale, dispositivi di neuromonitoraggio, dispositivi di monitoraggio del peso e altri dispositivi di monitoraggio dei pazienti.

Il mercato dei dispositivi di monitoraggio dei pazienti è suddiviso in ospedali, centri di chirurgia ambulatoriale, strutture di assistenza domiciliare e utenti finali. naturalmente il segmento ospedaliero rappresenta la quota maggiore del mercato.

L’utilizzo di sensori con diverse funzionalità all’interno di dispositivi medici complessi è ormai una prassi comune, tuttavia appare sempre più frequente il ricorso a più sensori per ottenere risultati migliori. Proprio come il cervello umano combina diversi stimoli sensoriali (odore, gusto, tatto, vista, suono) per garantire un’esperienza completa, anche la tecnologia è in grado di combinare diversi input di dati provenienti da diversi sensori per garantirne la fusione.

Solitamente la fusione dei sensori include tre stadi progressivi: acquisizione dei dati, fusione delle caratteristiche e, come ultima cosa, unione dei risultati. Nella prima fase, diversi sensori raccolgono diversi tipi di segnali, come le quantità fisiche, chimiche o biologiche oppure le immagini. Nella fase successiva, i segnali raccolti vengono sottoposti a una elaborazione per estrarre le informazioni rilevanti ed eliminare eventuali elementi di disturbo. Infine, nella terza fase, viene eseguita la fusione dei dati mediante una serie di algoritmi decisionali.

Contatta l'autore per ulteriori informazioni










     Leggi la nostra Privacy and Cookies Policy e accetta le condizioni di utilizzo e trattamento dei tuoi dati. Tratteremo sempre le informazioni da te inserite con rispetto.