martedì 6 Dicembre 2022

traduzione automatica

martedì 6 Dicembre 2022

traduzione automatica

La neonatologia abbraccia l’innovazione 4.0 con la startup Natea

Ci siamo occupati in diverse occasioni del necessario sviluppo della sanità in chiave digitale, dalla riabilitazione robotica a domicilio ai sensori impiantabili, fino all’utilizzo di intelligenza artificiale e immagini 3D per lo sviluppo di nuovi trattamenti di cura.

Grazie alla giovanissima startup Natea poniamo oggi l’accento su una branca della medicina ancora poco coinvolta nelle potenzialità del 4.0, che si prepara però alla svolta: la terapia intensiva neonatale (TIN)

La tecnologia in campo per dimissioni protette

Natea intende infatti proporsi come il player di riferimento per l’innovazione nella TIN.
Migliorare ed innovare i sistemi informativi di neonatologia e pediatria, attraverso tecniche di Machine Learning e intelligenza artificiale, è ormai imprescindibile per assicurare cure di elevata qualità e dimissioni protette.

Verso pratiche cliniche virtuose

Le soluzioni intelligenti permettono infatti di incrementare la sicurezza di pazienti e operatori sanitari, di migliorare gli interventi di diagnostica e terapeutica e di promuovere l’efficacia di tali pratiche cliniche, sinonimo di riduzione dei costi. 

Natea si impegna non solo nello sviluppo di software compilativo-gestionali, ma anche di software analitico-predittivi per il supporto del personale medico nelle decisioni cliniche. 

La Cartella Clinica Elettronica

La startup commercializza soluzioni negli ambiti distinti, ma contigui, di osservazione, trattamento e analisi. Soluzioni che si presentano come modulari, adattabili e completamente integrabili tra loro e con i Sistemi Informativi di Reparto od Ospedalieri. 

Tra le maggiori novità proposte da Natea vi è la “Cartella Clinica Elettronica”. Essa integra i dati raccolti durante il periodo di degenza con quelli derivanti dagli apparati elettromedicali e dai Sistemi Informativi Ospedalieri.
L’analisi condotta attraverso strumenti di deep learning e intelligenza artificiale fornisce un’accurata comparazione con database scientifici e l’attivazione di sistemi di allarme predittivo.

L’aumento di capitale della neonata startup

Le proposte di Natea per la neonatologia stanno convincendo gli investitori. La startup, nata nel 2021, ha da poco chiuso un aumento di capitale da 300.000 euro, sottoscritto da Next4 e Butterfly.
Liquidità che le consentirà di lanciare sul mercato i primi prodotti, di potenziare l’offerta commerciale e soprattutto di consolidare le relazioni con il mondo accademico e della Ricerca.

Fonti: natea.it, Il Messaggero

Potrebbe interessarti anche: Sensori impiantabili, il tatuaggio d’oro per la diagnosi medica

Rimani sempre aggiornato sulle ultime news del mondo della strumentazione e automazione, segui MECOtech su Facebook!

Contatta l'autore per ulteriori informazioni










     Leggi la nostra Privacy and Cookies Policy e accetta le condizioni di utilizzo e trattamento dei tuoi dati. Tratteremo sempre le informazioni da te inserite con rispetto.