sabato 4 Febbraio 2023

traduzione automatica

sabato 4 Febbraio 2023

traduzione automatica

Veicoli a idrogeno: i vettori di una nuova mobilità sostenibile

I veicoli a idrogeno rappresentano un’alternativa ecologica all’utilizzo di veicoli alimentati con carburanti a base di carbonio. Come abbiamo visto, nel corso del 2022 si è sperimentato uno spostamento definitivo verso i veicoli alimentati a idrogeno, nell’ottica della transizione energetica totale

Per poter essere trasportato, l’idrogeno viene immagazzinato in serbatoi a pressione e utilizzato in una cella a combustibile per generare elettricità che alimenta un motore elettrico. In questo processo, l’unico residuo è vapore acqueo: questo rende i veicoli a idrogeno a zero emissioni.

I vantaggi dell’utilizzo dei veicoli a idrogeno sono molteplici.

Questi veicoli sono dotati di autonomie di guida maggiori rispetto ai veicoli elettrici a batteria, e necessitano di tempi di ricarica più brevi. Inoltre, l’idrogeno può essere prodotto a partire da fonti rinnovabili, come l’acqua, il vento o la biomassa, rendendolo una fonte di energia sostenibile. 

Ci sono ancora alcune sfide da affrontare e superare nello sviluppo dei veicoli a idrogeno. La produzione di idrogeno a livello industriale è infatti ancora dispendiosa, e la sua distribuzione è limitata solo ad alcune aree del mondo. Inoltre, i serbatoi di idrogeno sono ancora costosi da produrre e richiedono una tecnologia avanzata per assicurarne la sicurezza.

Nonostante queste sfide, i veicoli a idrogeno rappresentano un’interessante prospettiva per il futuro della mobilità sostenibile. Con ulteriori investimenti e sviluppi tecnologici, c’è la possibilità che i veicoli a idrogeno diventino nel tempo una valida alternativa alle fonti di energia tradizionali per l’alimentazione dei veicoli.

Nonostante gli ostacoli, negli ultimi due anni molti Paesi del mondo hanno investito e lavorato in direzione della piena attuazione di una mobilità sostenibile. I veicoli a idrogeno sono infatti già stati sviluppati e utilizzati da alcune famose case automobilistiche, e diffusi in alcuni paesi del mondo.

Nel corso del 2022, gli Stati Uniti hanno investito molto nelle tecnologie ad idrogeno. George W. Bush per primo capì l’importanza dello sviluppo delle celle a combustibile a idrogeno. Anche se Donald Trump sostenne il carbone e altri combustibili fossili, nel novembre 2020 il Dipartimento dell’Energia ha rilasciato il suo piano di programma sui veicoli a idrogeno per promuovere le attività di ricerca, sviluppo e dimostrazione.

L’amministrazione Biden intende investire 400 miliardi di dollari in energia pulita e innovazione nel prossimo decennio. In California, l’ordine esecutivo del Gov. Newsom del settembre 2020 disse che, a partire dal 2035, tutte le nuove auto e pullman venduti nello stato sarebbero state a zero emissioni, e “tutte le operazioni di veicoli medi e pesanti saranno al 100% a zero emissioni entro il 2045, se fattibile”. 

Mentre nessuno dei due piani menziona specificamente l’idrogeno, l’intesa è che i veicoli a zero emissioni includano i FCEV (Fuel Cell Vehicle). 

È vero che gli Stati Uniti non sono così avanti come alcuni dei suoi concorrenti asiatici ed europei quando si tratta di adottare l’idrogeno. A partire dal gennaio 2022, ci sono solo 48 stazioni di idrogeno al dettaglio nel paese, 47 delle quali sono in California.

In futuro, si prevede che l’idrogeno diventi una fonte di energia sempre più importante per la mobilità, non solo per i veicoli, ma anche per altri usi come il riscaldamento e l’elettricità. Grazie alla sua versatilità, l’elemento può aiutare a ridurre le emissioni di CO2 e a creare un futuro più pulito e sostenibile.

Sensori di pressione robusti per veicoli alimentati idrogeno

L’MH-3-HY è un sensore di pressione elettronico OEM, adatto all’uso in condizioni estreme e espressamente progettato per l’uso in veicoli con celle a combustibile alimentate a idrogeno.

Grazie alle sue caratteristiche, l’MH-3-HY ha ottenuto l’omologazione UE EC79/2009 per i veicoli alimentati a idrogeno. Ciò rende più facile per i costruttori OEM certificare l’intero sistema.

La produzione dell’MH-3-HY avviene su una linea altamente automatizzata, che ci permette di fornire ai nostri clienti grandi quantità con una qualità affidabile. In confronto, altri produttori utilizzano linee semiautomatiche o manuali. Inoltre, controlliamo al 100% ogni sensore di pressione alla fine della linea e testiamo con l’elio ogni sensore per verificare la presenza di perdite.

In definitiva, sempre più comuni e aziende sono interessati a ridurre l’impronta di carbonio senza sacrificare prestazioni ed efficienza. Un modo per raggiungere questo obiettivo è l’uso di autobus e macchine da lavoro mobili alimentati a idrogeno. L’ampia gamma di prodotti di misura WIKA contribuisce a questo passaggio verso un futuro più pulito.

Visita il sito di WIKA per saperne di più!

Contatta l'autore per ulteriori informazioni










     Leggi la nostra Privacy and Cookies Policy e accetta le condizioni di utilizzo e trattamento dei tuoi dati. Tratteremo sempre le informazioni da te inserite con rispetto.